29.1.15

In casa la tecnologia ci aiuta e a volte quasi ci salva la vita.


In casa la tecnologia ci aiuta e a volte quasi ci salva la vita.

sale lavastoviglie

Riflettevo su questo punto qualche mattina fa, in macchina alle 7,30, già di ritorno dal primo giro verso la scuola dei primi miei due figli, mentre il terzo in macchina, dietro sul seggiolino, sarebbe arrivato a breve anche lui al nido per giocare con i suoi piccoli amici. 

Riflettevo che, non molti anni fa, le donne dovevano lavare i panni da sole, a mano, spesso nei lavatoi o al fiume, freddo o caldo che fosse; la fatica di pulire era tutta sulle loro spalle, fisicamente parlando. E allora ringrazio sinceramente e profondamente il progresso e quello che ha portato nelle nostre vite. Voglio essere cosciente del privilegio che ho potendo dedicarmi ad altro (che sia il lavoro, la famiglia o gli hobby) piuttosto che lavare tutto a mano come una volta. 

Questo pensiero positivo e leggero mi fa iniziare la giornata con il sorriso sulle labbra e pensare di dover caricare la lavastoviglie non è più un peso, ma anzi un piacere. Nel tempo anche i detersivi che usiamo quotidianamente sono migliorati e soprattutto fanno il loro dovere in modo perfetto. 

Lavare i piatti senza ritrovarli ancora opachi o con gli aloni di calcare, ma puliti e lucidi, è una gran soddisfazione, specialmente se avviene senza mettere le mani ammollo. Adesso che ho più tempo da dedicare alla mia vita, in senso più ampio, voglio che mi sia facile portare a termine le mie incombenze domestiche con i risultati migliori, e a volte sono i miei figli ad aiutarmi in questo, divertendosi. 

Ricordate quando vi raccontavo della dedizione che soprattutto Ethan mette nelle pulizie e nel caricare la lavastoviglie? 

So che in quanto madre ho una grande responsabilità: quella di farlo crescere rendendolo un uomo che saprà usare gli elettrodomestici e i detersivi alla pari della sua futura compagna di vita. 

Voi avete le mie stesse aspettative? Volete anche voi stoviglie splendenti e i vostri figli uomini speciali? 




Post sponsorizzato da Finish


Seguimi anche su

26.1.15

In viaggio verso Londra

Nasce da una videochiamata su Skype, con una mia cara amica che vive da qualche anno a Londra, e un forte impulso di prendere un aereo e andarla a trovare. In fondo, mi sono detta, è appena ad un'ora di volo da qui. E così, senza pensarci troppo, senza ragionare sui soldi, il tempo, come fare e con chi farlo, ho deciso di prenotare on line il volo. 

londra finestra

Se non agito di impulso, in quei 30 minuti circa, non lo avrei più fatto
La mia mente sempre troppo razionale, che ragiona e frulla ragionamenti sul bene, il male, cosa è meglio cosa è peggio (si, potete dirlo, pesante come un macigno) avrebbe trovato almeno un migliaio di motivi per rimandare, rimanere, non partire. 

Così pensando a me, a volermi bene, ho scelto di ascoltare il cuore. 

columbus hotel view

Ovviamente questo avveniva a mesi di distanza dal 16 gennaio, data della partenza, così che ho potuto scegliere un volo economico, semivuoto, con tutti i posti disponibili. E ho prenotato per tre. Non me la sentivo di dire ai miei due bambini grandi che sarei andata a Londra e farli attendere a casa, impazienti di foto, souvenirs e racconti. 

Vi chiederete: e mio marito? 
Lui non ha fatto altro che spingermi a partire da subito, senza ombra di dubbio, senza remore e ripensamenti.

Vai! Mi diceva.
E' importante avere accanto qualcuno che riesce ad incoraggiarti dirigendoti verso il meglio. 
E io sono fortunata.

Insomma sono partita e anche tornata, chi mi segue su Facebook e Instagram ha visto i miei momenti quasi in diretta da Londra. Una città fantastica, con cui ho sempre avuto un feeling particolare. Ho studiato qualche mese in UK, durante l'università, e ho amato profondamente questo paese, molto diverso dal nostro, ma che ho sempre sentito come casa. 

londra scale moquette

E anche questa volta, di nuovo, posare il piede sulla terra londinese mi ha fatto accendere il cuore di amore. 
Adoro i particolari, le facciate dei suoi palazzi, le porte di case sconosciute, le ringhiere di altri tempi e le loro scale ripide e strette, per andare al piano superiore, la moquette da tutte le parti, anche se so benissimo quanto sia poco salubre. 

Abbiamo camminato tanto a piedi.

Il nostro era un badget limitatissimo, ma nonostante moltissimi musei siano gratuiti, non potevo pensare di portare i miei figli a Londra e farli passare troppo tempo chiusi a guardare qualche attrazione unica, piuttosto che far loro osservare ogni angolo della città, ogni lieve discesa con una curva morbida che si delineava all'orizzonte, ogni particolare architettonico, il parco, ogni palazzo semi reale che incontravamo lungo il cammino.

london

E tutte le sue finestre bianche e suddivise a quadretti.

Sono felice della scelta, perché loro hanno apprezzato moltissimo, mentre io ho potuto fare il pieno dell'atmosfera unica di quel luogo. 

Il mio volo è atterrato all'aeroporto di Gatwick, basta mezz'ora di treno e si arriva fino in centro, e con poco bagaglio è veramente semplice e veloce. Il biglietto a/r per il treno l'ho comprato sull'aereo, per essere ancora più autonoma e veloce una volta a terra. Il treno parte dal SouthTerminal (mentre noi siamo arrivati al North Terminal ma è perfettamente collegato con il South terminal con un treno con corse ogni pochi minuti) e Gatwick Express, il treno, è segnalato con grandi cartelloni rossi che indicano la strada, così non ho avuto nessuna difficoltà a trovare i binari.
I biglietti si possono acquistare anche in anticipo, puoi guardare qui.

london

Voi avete mai visitato Londra? Qual è stata la vostra esperienza? Anche per voi è stato amore a prima vista?


Seguimi anche su



23.1.15

VisaCare di Philips

Ormai è un mese circa che utilizzo VisaCare di Philips, un trattamento ringiovanente per la pelle

Cercherò di essere il più obiettiva possibile raccontando la mia esperienza. E' un prodotto dal design molto elegante e presentato nei colori che più amo, quindi mi sono sentita subito in sintonia, è facile da usare e all'interno della confezione sono presenti le indicazioni e i suggerimenti per ottenere i risultati migliori. 

cura pelle  viso

Viene consigliato di utilizzarlo due volte a settimana, iniziando con la testina per pelli sensibili, per dare modo all'epidermide di abituarsi lentamente al trattamento. Ho seguito alla lettera le istruzioni, cercando di passare la testina su tutte le zone utili del viso, tralasciando gli occhi e le labbra, ripetendo l'operazione per due volte. 

E' stato molto facile e veloce, io ho impiegato circa 5 minuti, ma credo di averla involontariamente passata più di due volte su alcuni punti del viso, esagerando inoltre con la pressione e così mi sono ritrovata con il viso arrossato sicuramente troppo rispetto al normale trattamento. Come esordio è stato un successo a metà, e questa è l'unica nota dolente fino ad ora, ma quello che ho immediatamente notato è stato il cambiamento della mia pelle, liscia e compatta

cura pelle viso

Così ho atteso 2-3 giorni e ho ripetuto, con maggiore attenzione, tutto il procedimento e questa volta non ho visto l'arrossamento evidente del primo giorno, ma solo quello che viene descritto come normale, che scompare dopo pochi minuti. Anche questa volta l'effetto sulla pelle del viso è stato di grande morbidezza e compattezza al tatto e ho notato che, continuando con gli appuntamenti bisettimanali, questo beneficio rimane anche nei giorni successivi.

Il risultato nel mio caso è visibile, incarnato più sano, roseo e oserei dire che l'aspetto sembra ringiovanito, con le linee sottili molto meno evidenti, confermato dalle mie amiche che sanno del test che sto portando avanti. 
La testina che passo sul viso compie tre azioni: esfoliante, rassodante e stimolante della microcircolazione (quella utile all'effetto antirughe). 
Subito dopo il trattamento utilizzo una crema nutriente oppure una maschera e noto un migliore assorbimento del prodotto e una risposta più immediata della pelle. 

cura pelle viso

In conclusione posso affermare che dopo un uso costante di Visa Care, di due volte a settimana, iniziando con la testina per pelli sensibili e continuando con quella per pelli normali, ho notato un miglioramento generale dello stato della mia pelle e sono assolutamente soddisfatta, oserei dire entusiasta. 

cura pelle

L'impegno richiesto è assolutamente alla mia portata, a differenza di altri tipi di trattamenti che necessitano un uso quotidiano, e lo trovo perfetto per chi come me ha poco tempo, ma anche il desiderio di prendersi cura della propria pelle e regalarsi un momento per se. 

cura pelle

Lo consiglio sicuramente e mi prometto di intensificare la frequenza per ottenere risultati ancora migliori.

Siete tentati? Lo conoscete? Lo avete giù sperimentato?



Seguimi anche su



16.1.15

Struccante da viaggio fai da te

Tra poco sono in partenza per Londra.
Stavo guardando destinazioni, sognando luoghi altri e ho prenotato, così da non ripensarci troppo ed eccomi qui a impacchettare le ultime cose prima di volare. 
Sono giorni che mi preparo con il kit di sopravvivenza alla paura e per il momento sembra fare il suo dovere, ovviamente avrò tutto a portata di mano in borsa, così da non farmi prendere da un attacco di panico. 

autunno foglie

Andrò a trovare una mia amica e porto con me i due piccoli grandi. 
Hanno chiesto di andare su un autobus a due piani, comprarsi una tuba (?) e fare un giro alla stazione di Paddington, quella del film, che abbiamo visto poco tempo fa.
Sarà un breve vacanza ma non vedo l'ora di sperimentare orizzonti nuovi e sguardi diversi. 
Me lo merito.

Porto con me un piccolo bagaglio a mano e quindi devo ridurre l'ingombro, valutando l'essenziale, ma non posso fare a meno dei miei prodotti per trucco e parrucco. 

Struccante da viaggio fai da te

Batuffoli di ovatta
Olio di mandorle dolci

Versare un pò di olio di mandorle sul batuffolo di ovatta (io ne ho contati due per sera), sovrapporre e conservare in una busta a chiusura ermetica. 

viaggiare
viaggiare


Ecco pronto lo struccante, che riprende un olio che preparo per lavare il viso (eh si, l'olio ha un forte potere solvente) di cui ho parlato già qui. In questo caso però la preparazione è molto più veloce, senza olio essenziale, con un solo tipo di olio. Una volta massaggiato sul viso, si eliminano le tracce di unto posando per qualche minuto una pezza bagnata con acqua bollente, lasciandola agire per circa un minuto come fosse una sauna per il viso. 

viaggiare

Apre i pori, pulisce a fondo, infine si possono asportare i resti di makeup con la stessa pezza in cotone. 

Vi auguro uno splendido weekend. 


Seguimi anche su