24.12.15

Buone Feste 2015

Cari tutti,

vi lascio un'immagine di noi per augurarvi

 Felici Feste 2015!





Seguimi anche su



23.12.15

Riflessioni sul tempo che passa

E' passato anche il solstizio d'inverno.
Per quanto questa stagione sembra essersi appena affacciata, ed io immagino il freddo che deve ancora venire, so benissimo che in realtà, da adesso in poi, i giorni si allungheranno di poco e la luce crescerà sempre di più.

E' difficile ogni cambiamento, senza distinzioni
E' il tempo che passa che è difficile. Non perché non voglio invecchiare, ma semplicemente perché mi affeziono alla mia realtà, e persino quel presente, che a volte sembra pesante, una volta passato acquista il tipico fascino nostalgico.  



L'ho letteralmente capito guardando una mia foto da ragazza, quando vivevo un presente divertente, ma faticoso interiormente, che mi vedeva galleggiare in superficie, soprattutto cercando una magrezza che era già in mio pugno e una bellezza che non sapevo di avere. Riguardando quella foto mi sono sentita così bella! Come sicuramente mi sentirò tra qualche anno riguardando le foto di questi giorni. Ed ecco che ho trovato l'interruttore giusto. 



Ora so con certezza di essere bella (*), e che quei travagli, preoccupazioni, fatiche (anche interiori) allo stesso modo della bellezza, saranno guardati e ammirati con nostalgia e amore, quindi lascio sgorgare adesso, nel momento presente, quella stesso sentimento di perfezione quale davvero l'attimo presente è. 



Ecco perché ho imparato ad affezionarmi al presente, ecco perché amo la vita in ogni sua angolazione, seppur la più faticosa. Ecco perché mi reputo fortunata. 

Poi vedo i segni del tempo, che non sono le rughe, ma mia figlia con il piede più lungo del mio, con il suo piglio indipendente, con l'andatura sicura e mi dico che davvero ADESSO è la perfezione.

In questi giorni non facciamo altro che ascoltare canzoni Natalizie, essere avvolti da lucine ed atmosfera calda, immaginando il giorno in cui si scartano i regali e si gode della compagnia reciproca. I bambini stanno letteralmente contando le ore mentre io le sento scorrere via.



Voi che relazione avete con il tempo, con il tempo che passa e quello che deve arrivare? Vi amate così come siete? 

Manca un pugno di ore al Natale, godiamocele in attesa.

(*) bella: parlo di quella bellezza unica e speciale che ogni essere umano possiede, lontana dai canoni estetici di massa, non misurata dai chili o dalle forme. La bellezza che illumina gli occhi, che rende speciale ogni lineamento anche il più imperfetto, che trasuda fascino da ogni ciocca, da ogni forma o ruga presente. 

p.s 
Oggi, ben quattro anni fa, arrivava di notte Edoardo. Ha scelto lui stare con noi e tuttora, ogni giorno, afferma con forza la sua presenza e la sua volontà di esserci. Ha cambiato la nostra vita.





Seguimi anche su



18.12.15

Bellezza e dolce attesa con il ciondolo LeBebè #suonamore

Ho avuto tre gravidanze, sicuramente tutte diverse tra loro, certamente in momenti della mia vita arricchiti da impegni, pensieri e aspettative differenti, ma tutte con un unico comune denominatore: quella sorta di magia e attesa, meraviglia e gioia per la vita che forse solo l'arrivo di un bambino sa regalare. 



Sin da subito ho cercato di instaurare una relazione unica e stretta con quel battito di ali di farfalle che sentivo dentro la pancia e sin dai primi momenti ho provato a creare un pensiero profondo verso il piccolo che sarebbe arrivato, come se davvero i miei pensieri potessero in qualche modo essere ascoltati e decifrati da quell'esserino che andava formandosi pian piano. Sicuramente noi madri abbiamo questa straordinaria possibilità, a differenza dei padri: quella di entrare in contatto diretto con il nostro bimbo attraverso i suoi movimenti, le sue capriole, le risposte alle nostre carezze. 




Già dalle prime settimane di gravidanza ho amato posizionare sulla pancia un paio di cuffie collegate ad una musica dolce e adatta alle sue giovanissime orecchie, tutte le sere, con una colonna sonora scelta tra ninnenanne e musica classica. Sono sicura che l'amore e il talento per la musica che hanno tutti e tre i miei figli siano in parte dovuti a questo rituale serale presente sin dai primi mesi di gravidanza. 

E' un legame prezioso, sottile, invisibile, delicato ma duraturo, quello tra madre e bimbo, come quello che si può facilmente creare grazie al suono dei ciondoli di Lucebianca, della linea in argento LeBebé Suonamore, indossati durante tutta la gravidanza. 

Sono una sorta di "chiama angeli" arricchiti di eleganza, sono veri gioielli in argento, con una catenina lunga fino all'altezza dell'ombelico, che emettono un suono delicato e cristallino ad ogni movimento o passo della mamma.

Si può scegliere quello in argento e cordino di nastro colorato, oppure quello in argento placcato in oro rosa, con diamantino, e catenina in argento (è anche possibile acquistare solo la catenina in argento con moschettone a forma di cuore). 



Questo ciondolo è un regalo prezioso per la mamma in attesa, perfetto non solo a Natale, che rafforza il legame con il bimbo sia durante tutto il periodo di dolce attesa, che dopo la nascita, quando si potrà appenderlo sulla culla e farlo suonare, ed essere nuovamente fonte di coccola e tranquillità. 

E' davvero un regalo perfetto per una donna che sta attraversando uno dei momenti più magici della sua vita.


Post scritto grazie alla collaborazione con Lucebianca-LeBebè Suonamore



Seguimi anche su



17.12.15

Momenti sparsi

Ci sono giorni che la stanchezza è tale che la mia faccia è quella che vedete qui di seguito.
Sono quei giorni in cui spingo e vado avanti, oltre le mie forze.


Un principio buddista spiega che il nostro stato vitale può creare l'ambiente che ci circonda, è un principio imparziale che non va a simpatia. Quindi se oggi sono stanca, demoralizzata, triste, il mio ambiente risponde esattamente a questo stato vitale, e di rimando si potrebbe cadere in un circolo vizioso. Basta saperlo, così alle prime avvisaglie, invece di concentrarmi a cambiare un ambiente ostile e faticoso, mi impunto e punto i piedi nel voler cambiare me stessa, il mio stato vitale. 
I giochi son fatti e la gioia sgorga dal cuore, così da vederla riflessa intorno a me, ogni cosa intorno brilla, in fondo è Natale, ovunque ci sono luminarie.


Voi come state?


Seguimi anche su